Solidarietà, comunità, trasparenza: le risposte alle Aggregazioni Laicali

La Consulta delle Aggregazioni Laicali è un organismo che raggruppa le varie associazioni di apostolato in una diocesi. La Consulta dell’Arcidiocesi di Lucca ha fatto avere ai candidati sindaco una serie di domande su temi di rilevanza sociale. Eccole, con le risposte di Gemma Urbani e della lista Lucca Bene Comune: Continue reading

Trasparenza: Bari fornirà i dati in formato open

Leggiamo con interesse tutte le notizie che ci dicono come anche le nuove tecnologie “aiutano” le amministrazioni comunali che scelgono la trasparenza e l’utilità per i cittadini. Rendere i dati economici, demografici, informativi che un Comune raccoglie disponibili  e non solo, anche in forma liberamente utilizzabile e – ci auguriamo – comprensibile è un modo per compiere la propria funzione : amministrare la cosa pubblica nell’interesse dei cittadini. Il Comune di Bari sta per intraprendere questa strada, che ci sembra davvero auspicabile, e fattibile, anche per Lucca:

Comune di Bari: Open data e trasparenza Continue reading

Lucca guarda al futuro?

Lucca guarda al futuro.
Ce lo dicono da una simpatica brochure offerta, diciamo così, “dalla città alla città”
E ci mancherebbe altro.
Lucca guarda al futuro mentre custodisce il suo passato.
Ma c’è modo e modo.
Noi non siamo d’accordo nemmeno sul come, sempre dalla simpatica brochure, si guarda al futuro.
Il solito libro dei sogni pre-elettorale. Che presuppone capacità, volontà e serietà, cose che finora non abbiamo potuto apprezzare nei risultati. E questo modo sfiatato di guardare al futuro lo si percepisce nell’aria.
Un esempio?
Alla circoscrizione 1 (Centro Storico), un comitato di cittadini progetta un incontro coi candidati Sindaco. Il responsabile organizzativo – ma non gliene facciamo una colpa: è solo l’interprete di un sentire diffuso, del potere che si autoincensa e si perpetua – ritiene sufficiente invitare sei, sei su undici o dodici candidati. Per non appesantire inutilmente!
E i proposti poi risultano essere quelli che, pur per motivi diversi, sono già noti. Quelli che per mezzi e appoggi politici hanno già più visibilità e più facilità di raggiungere la gente.
Nemmeno sfiorata l’idea che possa esistere qualche voce dal basso che merita di essere ascoltata.
Primarie di opinione. Primarie di trita, discutibile e, ahinoi, diffusa opinione.
Lo diciamo pensando a noi, ed è facile. Ma lo pensiamo perché siamo certe che la realtà è un’altra.

E da Firenze di giunge inaspettato un forte, indiretto incoraggiamento. E’ il “Manifesto per un soggetto politico nuovo, per un’altra politica nelle forme e nelle passioni”, che vede redattori Andrea Bagni, Paul Ginsborg, Claudio Giorno, Chiara Giunti, Alberto Lucarelli, Ugo Mattei, Nicoletta Pirotta, Marco Revelli, Massimo Torelli.
Un’altra politica nelle forme e nelle passioni. E’ la spinta che ci ha condotto fino a qui.
E’ iniziato tutto sei mesi fa. Un piccolo gruppo di donne decide che stare a guardare non basta. Che l’unico vero modo per avere voce è metterci la faccia. E farlo in assoluta autonomia. Senza l’obbligo di adattarsi ad istanze altrui.
E ora siamo qui. Pronte a batterci, e anche e a dibattere. Naturalmente, se invitate.

Una Lista per Lucca 2012

La nostra è una lista di donne di varia età, provenienza, professione. Viviamo a Lucca, non ci riconosciamo negli attuali schieramenti, ci impegniamo per un reale cambiamento.

Immaginiamo un modo di fare politica Continue reading