Incontro dei candidati sindaci sull’acqua pubblica

La nostra candidata sindaco Gemma Urbani  ha partecipato al confronto sull’acqua pubblica organizzato dal “Comitato acqua bene comune” di Lucca, dichiarandosi disponibile a costituire un Tavolo di Lavoro formato da amministratori, utenti e Comitato Acqua Bene Comune per pianificare la trasformazione delle attuali società di gestione in Aziende Speciali di Diritto Pubblico.

Gemma Urbani dichiara :“Penso che nell’attuale fase storica si debba superare le gestioni pubbliche conosciute fin qui, o quelle private, perché entrambe hanno dimostrato ampiamente il loro fallimento nel gestire i servizi primari. Il futuro dell’amministrazione della cosa pubblica è in una gestione pubblico-partecipata.
Che vuol dire appunto costituire tavoli di lavoro dove si prendono le decisioni con tutti gli attori protagonisti: amministratori, tecnici, utenti, rappresentanti di organizzazioni dei cittadini come è il Comitato acqua bene comune. La stessa azienda speciale dovrà avere una forma societaria partecipata. Insieme alle figure di competenza tecnico-amministrativa o giuridica o manageriale, vi dovranno essere anche lavoratori e ambientalisti. L’esempio è AcquaBeneComune Napoli, l’azienda speciale che gestisce l’acqua di Napoli – unico caso dove la volontà referendaria è stata finora attuata.

Bisogna inoltre rispettare il voto degli italiani e dei lucchesi che non vogliono che la gestione dell’acqua generi profitto. Per noi lista civica Lucca Bene Comune va eliminata la remunerazione del 7% per il capitale investito, perché non si deve fare profitto sull’acqua, che non è una merce ma un bene comune.”